La banca adatta la gestione della relazione clienti online nell’era della trasformazione digitale

La banca, come ogni altro settore di attività, sta attraversando una fase di cambiamento nelle modalità di consumo. Le innovazioni tecnologiche cambiano radicalmente la maniera in cui comunichiamo e compriamo.

Le evoluzioni degli ultimi anni mostrano che la banca di domani sarà digitale, anche se tutt’ora lo è già. In media, la proporzione delle sottoscrizioni online di prodotti bancari è raddoppiata tra il 2010 e il 2014 (fonte: CCM Benchmark).

Scopri di più: White paper – La banca: il digitale al centro del coinvolgimento e della fidelizzazione del cliente

I punti di contatto privilegiati nel percorso d’acquisto bancario

Fonte: Solucom “Bank Insight 6”

 

Migliorare l’esperienza omnicanale del cliente

Recarsi in banca significa togliere del tempo alla giornata e molte volte i tempi di attesa possono rivelarsi molto lunghi, con un’ulteriore perdita di tempo. Dare la possibilità di eseguire operazioni online vuol dire rendere la vita più semplice ai propri clienti.

La priorità delle banche è la customer experience. Per questo motivo, iAdvize accompagna sedici attori del settore bancario per migliorare la relazione clienti in tempo reale. La banca rappresenta il terzo settore di attività come volume di contatti.

Col progressivo allontanamento del cliente dallo spazio fisico, le banche devono fronteggiare una nuova sfida: come fare per vendere i propri servizi complementari online? Il commercio conversazionale si rivela un eccellente strumento commerciale per trasferire la fiducia sul web e generare vendite aggiuntive. La sincronizzazione dei canali di conversazione in tempo reale con un CRM e altre funzionalità, come l’invio di link o di offerte speciali, permettono di sostenere le argomentazioni commerciali avanzate dai consulenti bancari.

New Call-to-action

Luca

Con una formazione internazionale in comunicazione e uno sguardo rivolto al mondo del web, sono interessato a tutto ciò che riguarda il marketing, le lingue straniere e la cooperazione internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *