5 motivi per utilizzare WhatsApp nella relazione con i clienti

WhatsApp è diventata una parte integrante del nostro quotidiano ed è inseparabile dalla nostra vita privata. Ma che ruolo può ricoprire l’applicazione di messaggistica più utilizzata al mondo? Scopri i motivi per cui un brand dovrebbe utilizzare WhatsApp come canale di comunicazione aggiuntivo.

1. Instaurare una relazione diretta con i propri clienti

Secondo Nielsen, il 53% dei consumatori sono più inclini all’acquisto di un prodotto o servizio di un brand che offre la possibilità di discutere facilmente col proprio servizio clienti. Con più di un miliardo di utenti in tutto il mondo, WhatsApp è l’applicazione di messaggistica istantanea più utilizzata in oltre 180 paesi.

Scopri di più: WhatsApp integrato a iAdvize

WhatsApp è l’applicazione di messaggistica più utilizzata in Italia, nel Regno Unito, in Germania, in Spagna e in America Latina. Ecco perché i marchi dovrebbero utilizzare questo canale per offrire un servizio clienti senza barriere ai clienti. 9 consumatori su 10 vogliono comunicare attraverso le applicazioni di messaggistica – Caroline Langer, International Marketing Manager a iAdvize

Fonti: WhatsApp, Facebook, Tencent, Venturebeat, TechinAsia.com, Telegram, Twilio

2. Mettere il tuo marchio al centro del quotidiano dei clienti

Addio alla cronologia delle chiamate e alle mail senza fine! Con WhatsApp e le altre applicazioni di messaggistica, i marchi sono vicini ai clienti come non mai: le conversazioni con il marchio rimangono insieme a quelle che si hanno con un amico, un familiare o un gruppo… E proprio perché si tratta di una conversazione, non c’è più bisogno di perdere tempo andando a cercare delle informazioni nella miriade di mail della posta elettronica.
Per la maggior parte degli utenti, WhatsApp è un canale di comunicazione chiave che riprende le interazioni con i loro coetanei – Sabine Hoffmann, fondatrice e PDF dell’agenzia social media ambuzzador

Scopri di più: iAdvize integra WhatsApp alla sua piattaforma!

3. Differenziarsi offrendo una customer experience premium 

WhatsApp è un canale di comunicazione che ti consente di interagire con i clienti in qualsiasi momento. Il vantaggio per le imprese? Poche offrono già un servizio clienti tramite WhatsApp. Ciò è un chiaro elemento di diversificazione: consente di essere innovativi, offrendo un’esperienza positiva ai clienti.

Molti pionieri sono riusciti davvero a differenziarsi dalla concorrenza attraverso la customer experience con un impatto notevole sulle vendite – Karin Glattes, esperta di customer experience

4. Un canale aggiuntivo quando il servizio clienti non è disponibile 

WhatsApp è una buona alternativa quando i consulenti del servizio clienti non è disponibile su chat o telefono. È un canale asincrono, ma che conserva un carattere istantaneo. Il servizio clienti può gestire le domande su WhatsApp in modo meno reattivo, ma la conversazione è più intuitiva rispetto ai canali esclusivamente asincroni.

Con WhatsApp, i clienti possono interagire con il marchio in modo facile e veloce: addio a email e a questionari impersonali!

Scopri di più: WhatsApp integrato a iAdvize

5. La fidelizzazione si ottiene con la vicinanza e la facilità d’uso

WhatsApp ha tutto il potenziale per far entrare i marchi nel quotidiano dei clienti. I marchi si avvicinano alle persone, il che rappresenta, tra l’altro, un’evoluzione della relazione clienti: ora è possibile discutere con un marchio come se si stesse parlando con un amico, in modo naturale e gradevole. Inoltre, si possono utilizzare le emoticon e inviare immagini, ideale per fidelizzare il cliente.

Maxime marketing

Permettendo ai clienti di comunicare con WhatsApp, i marchi si mettono allo stesso livello delle altre persone che utilizzano l’applicazione di messaggistica più utilizzata al mondo, con oltre un miliardo di utenti al mese. – Maxime Baumard, VP Marketing a iAdvize

Scopri di più

Luca

Con una formazione internazionale in comunicazione e uno sguardo rivolto al mondo del web, sono interessato a tutto ciò che riguarda il marketing, le lingue straniere e la cooperazione internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *